ENEL FIRMA ACCORDO QUADRO CON BANK OF CHINA E SINOSURE

Published on mercoledì, 20 gennaio 2016

In base all’accordo quinquennale, Bank of China fornirà ad Enel e alle sue controllate una linea di credito per un ammontare fino a 1 miliardo di dollari statunitensi, garantita da SINOSURE
L’intesa ha l’obiettivo di promuovere lo sviluppo di progetti del Gruppo Enel a livello mondiale che coinvolgano imprese cinesi nella qualità di contractors e/o fornitori

Pechino, 20 gennaio 2016 – Enel S.p.A. (“Enel”), Bank of China Ltd., leader nel settore bancario cinese e la più diversificata e internazionale banca della Cina (da non confondere con la  People’s Bank of China) e la China Export & Credit Insurance Corporation (“SINOSURE”) hanno firmato oggi un accordo quadro non vincolante per promuovere lo sviluppo da parte delle società del Gruppo Enel, in particolare di Enel Green Power, di progetti su scala mondiale con la partecipazione di imprese cinesi in qualità di contractors e/o fornitori di servizi di ingegneria, procurement e costruzione. 

L’accordo è stato firmato a Pechino, presso la sede di Bank of China, dal Responsabile Finance and Insurance del Gruppo Enel, Alessandro Canta, dal vice General Manager di Corporate Banking di Bank of China, Li Mang, e dal vice General Manager del Business Development di SINOSURE, Wang Xu.

In base all’accordo, Bank of China metterà a disposizione di Enel e delle sue controllate una linea di credito per un ammontare fino a 1 miliardo di dollari statunitensi garantita da SINOSURE. L’accordo quadro, che stabilisce i principali termini e condizioni degli strumenti di finanziamento che possono essere erogati, avrà validità di cinque anni, con la possibilità di estensione su comune accordo delle parti.


ENEL IN CINA

Enel è presente in Cina dal 2004 attraverso una serie di progetti per l’abbattimento delle emissioni di gas serra, come previsto dal protocollo di Kyoto. Nel Paese il Gruppo Enel è anche riconosciuto per la sua competenza tecnica e le sue tecnologie innovative. Questo ha portato Enel a essere considerata come un partner rilevante per la cooperazione.

Nel settembre 2009, è stato firmato un accordo tra il Ministero cinese per la Scienza e la Tecnologia e il Ministero italiano dell'Ambiente finalizzato a implementare uno studio di fattibilità per la costruzione di un impianto di cattura e stoccaggio di anidride carbonica nell'area di una centrale elettrica cinese, basato sulla tecnologia “Enhanced Oil Recovery”. Questa cooperazione è stata effettuata con il coinvolgimento di Huaneng Group come partner tecnologico cinese.

Nel marzo 2012, Enel e la Huaneng Clean Energy Research Institute hanno firmato un protocollo d’intesa che ha gettato le basi per la cooperazione in materia di tecnologie del carbone pulito, di energie rinnovabili e di generazione distribuita. Nel mese di ottobre 2013, la cooperazione tra i due gruppi è stata estesa attraverso un nuovo protocollo d'intesa che si è concentrato su una possibile cooperazione industriale nell’ambito della produzione di energia ecocompatibile.

Nel giugno 2014 Enel ha firmato un accordo quadro di cooperazione con il Gruppo Huaneng per approfondire ulteriormente il rapporto di cooperazione attraverso lo sviluppo congiunto di tecnologie, progetti di energia convenzionale e rinnovabile, programmi di carbon strategy e la cooperazione tra i dipartimenti di ricerca di entrambe le società.

Ad aprile 2014, Enel ha firmato un protocollo d’intesa con State Grid Corporation of China, la più grande utility al mondo nel settore della distribuzione e trasmissione di elettricità, per cooperare nei settori delle reti intelligenti e delle energie rinnovabili.

Nel giugno 2014, Enel ha firmato un protocollo d’intesa con China National Nuclear per avviare una cooperazione nel settore della costruzione e gestione di impianti di generazione da fonte nucleare.

Nell’ottobre 2014 Enel ha firmato un protocollo d’intesa con Bank of China per l’effettuazione di una valutazione congiunta riguardo a future, potenziali operazioni finanziarie nell’arco dei prossimi 5 anni. In particolare, Bank of China si è dichiarata disponibile ad assicurare potenziali linee di credito per un ammontare complessivo fino a 1 miliardo di euro, soggette a una valutazione congiunta con Enel.

Nel novembre 2014 Enel ha sottoscritto un accordo quadro con ZTE Corporation, impresa cinese leader nel settore degli apparati e dei sistemi di telecomunicazione, per avviare una cooperazione tra i due gruppi nel settore della mobilità elettrica, delle reti intelligenti e delle rinnovabili.

 

Tutti i comunicati stampa di Enel sono disponibili anche in versione Smartphone e Tablet. Puoi scaricare la App Enel Corporate su Apple Store.

Economico | gennaio, 20 2016

1665219-1_PDF-1.pdf

PDF (0.19MB)DOWNLOAD