ENEL PRESENTA I DATI PRELIMINARI CONSOLIDATI 2015. NEL 2015 CENTRATI GLI OBIETTIVI DI GUIDANCE A FINE ANNO RIDUZIONE DEBITO MEGLIO DEL TARGET A FRONTE DI UNA EVOLUZIONE SFIDANTE DEI PARAMETRI MACROECONOMICI

Published on martedì, 9 febbraio 2016

Ricavi a 75,7 miliardi di euro (75,8 miliardi di euro nel 2014, -0,1%)
Ebitda ordinario a 15,0 miliardi di euro (15,5 miliardi di euro nel 2014, -3,2%)
Ebitda a 15,3 miliardi di euro (15,8 miliardi di euro nel 2014, -3,2%)
Indebitamento finanziario netto a 37,5 miliardi di euro (37,4 miliardi di euro a fine 2014, +0,3%), ( ) un risultato migliore del target di 38,0 miliardi di euro annunciato lo scorso novembre

Roma, 9 febbraio 2016 – Il Consiglio di Amministrazione di Enel SpA, riunitosi oggi sotto la presidenza di Patrizia Grieco, ha esaminato i risultati consolidati preliminari dell’esercizio 2015.

Commentando i dati, l’amministratore delegato e direttore generale Francesco Starace ha dichiarato:
”Durante tutto il 2015 abbiamo affrontato uno scenario macroeconomico molto sfidante dovuto alla lenta ripresa della domanda nei mercati maturi e all’avversa evoluzione dei cambi. Il contributo positivo delle efficienze realizzate sull’intero perimetro e la buona tenuta dei mercati maturi in Italia ed Iberia, oltre che la crescita nelle rinnovabili hanno contribuito al raggiungimento di questi solidi risultati. Continua anche il processo di semplificazione della struttura societaria del Gruppo che ha visto le assemblee degli azionisti di Enersis, Endesa Chile e Chilectra approvare, lo scorso dicembre, la prima fase del disegno di razionalizzazione delle partecipazioni in Sud America, il cui completamento è previsto nel corso della seconda metà dell’anno. A fine 2015 abbiamo inoltre raggiunto un accordo per la cessione della nostra partecipazione in Slovenské elektrarné ed abbiamo avviato il processo di integrazione di Enel Green Power in Enel, che è stato approvato dall’assemblea degli azionisti delle due società lo scorso gennaio e che prevediamo possa concludersi nel primo trimestre del 2016”.

I Ricavi ammontano a 75,7 miliardi di euro, in diminuzione dello 0,1% rispetto ai 75,8 miliardi di euro realizzati nel 2014. Tale leggera contrazione è da attribuirsi alle minori vendite di energia elettrica, parzialmente compensate da maggiori ricavi per vendite di combustibili e gas. I maggiori ricavi in Italia e in America Latina hanno in parte compensato l’impatto negativo relativo alla variazione dei tassi di cambio delle altre valute rispetto all’euro (pari a circa 0,9 miliardi di euro).

1 Non inclusivo dell’importo relativo al perimetro classificato tra le “Attività possedute per la vendita”

L’Ebitda ordinario ammonta a 15,0 miliardi di euro (15,5 miliardi di euro nel 2014), in linea con il target comunicato ai mercati finanziari fin dallo scorso marzo. Tale grandezza registra una riduzione del 3,2% rispetto al 2014, sostanzialmente riconducibile all’andamento negativo dei tassi di cambio, alla formalizzazione di alcuni accordi nel quarto trimestre del 2015 per l’uscita anticipata di personale in Italia e Spagna, nonché al minor margine da generazione di energia elettrica da fonti convenzionali. Tali effetti sono stati parzialmente compensati dalle efficienze realizzate, da alcune modifiche regolatorie che hanno influenzato positivamente i risultati e dalla nuova normativa, introdotta a luglio 2015 in Slovacchia, che ha consentito il rilascio parziale del fondo oneri per smaltimento del combustibile nucleare esausto.
L’Ebitda (margine operativo lordo), pari a 15,3 miliardi di euro, è in diminuzione del 3,2% rispetto ai 15,8 miliardi di euro registrati nel 2014 in ragione degli stessi fenomeni sopra descritti nel commento all’Ebitda ordinario.

L’Indebitamento finanziario netto a fine 2015 è pari a 37,5 miliardi di euro, inferiore rispetto ai 38,0 miliardi di euro fissati quali target nel piano strategico presentato lo scorso novembre, e sostanzialmente in linea rispetto ai 37,4 miliardi di euro registrati al 31 dicembre 2014. In particolare, i flussi di cassa generati dalla gestione ordinaria hanno consentito di finanziare quasi per intero il fabbisogno connesso agli investimenti del periodo e al pagamento dei dividendi, cui si sono sommati gli effetti negativi della variazione dei tassi di cambio.

La consistenza del personale a fine 2015 è pari a 67.914 unità (68.961 unità alla fine del 2014).

Nel corso del 2015, il Gruppo Enel ha prodotto complessivamente 284,0 TWh di elettricità (283,1 TWh nel 2014), ha distribuito sulle proprie reti 417,4 TWh (411,1 TWh nel 2014) e ha venduto 260,1 TWh (261,0 TWh nel 2014).

In particolare, nel corso del 2015 all’estero il Gruppo Enel ha prodotto 215,5 TWh di elettricità (211,3 TWh nel 2014), ha distribuito 190,8 TWh (188,1 TWh nel 2014) e ha venduto 172,1 TWh (173,4 TWh nel 2014).

* * *

Indicatori alternativi di performance

Nel presente comunicato vengono utilizzati alcuni “indicatori alternativi di performance” non previsti dai principi contabili internazionali così come adottati dall’Unione Europea - IFRS-EU (Ebitda, Ebitda ordinario e Indebitamento finanziario netto). In linea con la raccomandazione CESR/05-178b pubblicata il 3 novembre 2005, di seguito viene riportato il significato e il contenuto di tali indicatori.

- L’Ebitda (margine operativo lordo) rappresenta per Enel un indicatore della performance operativa ed è calcolato sommando al “Risultato operativo” gli “Ammortamenti e perdite di valore”;
- L’Ebitda ordinario rappresenta per Enel un indicatore della performance operativa al netto degli effetti delle operazioni straordinarie ed è definito come l’“Ebitda (margine operativo lordo)” riconducibile alla sola gestione caratteristica;
- L’Indebitamento finanziario netto rappresenta per Enel un indicatore della propria struttura finanziaria; è determinato quale risultante dei debiti finanziari al netto delle disponibilità liquide e mezzi equivalenti e delle attività finanziarie correnti e non correnti (crediti finanziari e titoli diversi da partecipazioni).

Il dirigente preposto alla redazione dei documenti contabili societari, Alberto De Paoli, dichiara ai sensi del comma 2 dell’art. 154-bis del Testo Unico della Finanza che l’informativa contabile contenuta nel presente comunicato corrisponde alle risultanze documentali, ai libri e alle scritture contabili.


Tutti i comunicati stampa di Enel sono disponibili anche in versione Smartphone e Tablet. Puoi scaricare la App Enel Corporate su Apple Store.

Economico | febbraio, 09 2016

1665330-1_PDF-1.pdf

PDF (0.08MB)DOWNLOAD