L AD DI ENEL INTERVIENE AL LEADERS SUMMIT DEL GLOBAL COMPACT ONU

Published on giovedì, 23 giugno 2016

·        Francesco Starace è stato uno dei quattro speaker della sessione “How to change a Mindset?” nel corso del quale ha spiegato come l’approccio Open Power di Enel e il modello Creating Shared Value stiano aiutando il Gruppo a cogliere i cambiamenti del settore energetico

 

·        Nel settembre 2015 l’AD di Enel ha annunciato la volontà del Gruppo di contribuire al raggiungimento di quattro dei 17 SDG (Sustainable Developpement Goals): l’accesso all’energia, la Carbon neutrality del Gruppo entro il 2050, il sostegno all’istruzione e la crescita sostenibile

New York, 23 giugno 2016 – L’Amministratore Delegato e Direttore Generale di Enel, Francesco Starace, è intervenuto alla sessione di apertura del Global Compact Leaders Summit 2016 dell’Onu che si è tenuto ieri presso la sala dell’Assemblea Generale dell’Onu a New York, alla presenza del Segretario Generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-Moon.

Il Global Compact Leaders Summit dell’Onu riunisce ogni anno circa 800 rappresentanti del mondo economico, della società civile e dei governi per discutere e identificare le opportunità per agire e innovare nell’ambito degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (UN Sustainable Developpement Goals - SDG).

L’AD di Enel è stato uno dei quattro business leader che ha preso parte alla sessione “How to change a Mindset?” in cui hanno sottolineato l’importanza del cambiamento del modo di pensare per comprendere le ragioni di evoluzioni profonde e raggiungere gli obiettivi più ambiziosi.

“Il mondo sta cambiando rapidamente e deve affrontare una serie di sfide immense: ci sono enormi disparità di opportunità e benessere tra le persone, mentre il pianeta è minacciato dai pericoli per l’ambiente e dai cambiamenti climatici – ha affermato Starace nel suo discorso. “Con l’adozione, nel settembre 2015, dell’Agenda 2030 abbiamo fissato 17 obiettivi di sostenibilità e un’ambiziosa visione di lungo termine per promuovere lo sviluppo sostenibile a livello globale. Il settore dell’energia, che è al centro dell’Agenda, sta anch’esso attraversando un significativo cambiamento verso un nuovo paradigma dominato dalle rinnovabili e questa trasformazione continuerà indipendentemente dalle scelte delle singole aziende. Per questo abbiamo deciso di nuotare con la corrente invece che contro di essa: abbiamo cambiato per abbracciare il futuro, perché soltanto rimanendo aperti al cambiamento sarà possibile cogliere molte interessanti opportunità ”.

Durante il suo discorso Starace ha sottolineato l’importanza dell’approccio Open Power adottato da Enel come strategia per aprire il Gruppo all’innovazione, a nuove partnership, a un maggiore impegno verso le persone così da affrontare le sfide del settore energetico e favorire lo sviluppo sociale ed economico delle comunità dove l’azienda opera. Starace ha inoltre illustrato l’implementazione del modello Creating Shared Value che permette di combinare valore economico e sociale favorendo il coinvolgimento degli stakeholder lungo tutta la catena di valore: dal Business Developement fino al Engineering & Construction e alle Operation & Maintenance.

Il Global Compact è la più importante iniziativa nell’ambito della sostenibilità d’impresa a livello globale e si fonda sull’impegno assunto dagli Amministratori delegati di implementare i principi universali di sostenibilità e di agire per raggiungere gli Obiettivi Onu. Nel settembre 2015 i leader mondiali si sono uniti in una forte visione comune per un mondo più giusto, più prospero e sostenibile adottando i 17 SDG che devono essere raggiunti nei prossimi 15 anni e che raggruppano 169 obiettivi – dall’eliminazione della fame e della povertà fino alla lotta al cambiamento climatico e alla creazione di società pacifiche. Il Leaders Summit è un’iniziativa del Global Compact mirata a connettere, creare congiuntamente e comunicare le opportunità di business contenute negli SDG, contribuendo alla trasformazione di tali obiettivi in pratiche economiche responsabili.

Nel settembre 2015 l’AD di Enel ha annunciato l’intenzione del Gruppo di contribuire al raggiungimento di quattro dei 17 SDG nel corso del UN Private Sector Forum 2015: Implementing the Sustainable Development Goals. In particolare, si tratta del SDG 7 (garantire accesso all’energia), con l’impegno a promuovere energia a buon mercato, sostenibile e moderna attraverso l’iniziativa ENabling ELectricity di cui beneficeranno 3 milioni di persone in Africa, Asia e America Latina entro il 2020; SDG 13 (intraprendere azioni urgenti contro il cambiamento climatico e i suoi effetti) attraverso l’impegno del Gruppo a diventare Carbon neutral entro il 2050; SDG 4 (garantire un’educazione di qualità inclusiva ed equa) promuovendo l’attività scolastica per 400mila persone entro il 2020 attraverso progetti simili a quelli già lanciati in Africa e in America Latina; SDG 8 (promuovere lavoro dignitoso e crescita economica) favorendo una crescita economica sostenuta, inclusiva e sostenibile, lo sviluppo imprenditoriale e l’auto-impiego per 500mila persone.

Nel maggio 2015 l’amministratore delegato di Enel, Francesco Starace, è stato nominato dal Segretario Generale dell’Onu, Ban Ki-Moon, nel Consiglio di amministrazione del Global Compact, elemento principale della struttura di governance dell’iniziativa, cui spetta il compito di contribuire a delineare la strategia e la policy, nonché fornire consigli su tutte le questioni connesse al Global Compact, in particolare quelle che riguardano la sostenibilità.

 


Tutti i comunicati stampa di Enel sono disponibili anche in versione Smartphone e Tablet. Puoi scaricare la App Enel Corporate su Apple Store e Google Play.

Generale | giugno, 23 2016

1666033-1_PDF-1.pdf

PDF (0.08MB)DOWNLOAD