Default distribuzione gas: dettagli del servizio

Cos'è il Servizio di Default Distribuzione

Il “Servizio di Default Distribuzione”, analogamente al servizio di fornitura di ultima istanza, viene attivato dal distributore territorialmente competente al verificarsi di alcune situazioni particolari, a seguito delle quali un cliente si trova senza fornitore, pur restando connesso alla rete e potendo perciò continuare a prelevare gas.
In tali casi la fornitura di gas viene assegnata ad uno specifico fornitore selezionato dall’Acquirente Unico attraverso gara (appunto il fornitore di default di distribuzione “FDD”), che opera secondo quanto stabilito dall’Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente (di seguito “ARERA”), anche per quanto riguarda le condizioni economiche da applicare.

In particolare il servizio di default di distribuzione può essere attivato: 
 

  • per morosi disalimentabili per i quali non è stato possibile procedere con l’interruzione dell’alimentazione
  • per disalimentabili che risultano privi di un fornitore per cause dipendenti dalla loro volontà (recesso dal precedente fornitore e mancata contestuale sottoscrizione di un nuovo contratto)
  • per disalimentabili che risultano privi di un fornitore per cause indipendenti dalla loro volontà (es. precedente fornitore non è più in grado di garantire la fornitura), in seguito a richiesta di cessazione amministrativa per motivi diversi dalla morosità o in caso di intervenuta risoluzione del contratto di distribuzione: per non domestici con consumo > 50.000 smc/anno oppure condomini con uso domestico e consumo > 200.000 smc/anno
  • in tutti i casi in cui, pur sussistendo i requisiti per l’attivazione del “servizio di fornitura ultima istanza”, ne sia impossibile l’attivazione.