Come fare un subentro

Riattivare un contatore in semplici passaggi

Come fare un subentro?

Se vuoi riattivare un contatore disattivato o già chiuso dovrai indicare:

  • il tuo Codice fiscale
  • il codice POD identificativo del contatore (per la fornitura di energia elettrica) oppure il codice PDR (per la fornitura di gas naturale); Pod e Pdr li trovi sul cartellino attaccato al contatore luce/gas oppure sulle bollette del precedente intestatario della fornitura
  • oppure il Codice Cliente (è un codice di 9 cifre che puoi trovare sul display del contatore (se elettronico) o sulle bollette del precedente intestatario della fornitura
  • la lettura del contatore

Riceverai il contratto attraverso il canale da te scelto (via mail o per posta) e dovrai inviarci correttamente compilata la modulistica allegata necessaria ai fini della attivazione della fornitura.
Per saperne di più clicca qui o scopri i dettagli nelle FAQ. 

Scopri come fare l'autolettura con i nuovi contatori gas Enel.
Scopri tutte le offerte luce e gas per il tuo Subentro.


Come seguire lo stato di avanzamento della pratica?

Dopo aver stipulato il contratto con Enel Energia registrati all'Area Clienti e accedi alla sezione “Le tue pratiche”: potrai tenere sotto controllo a che punto è la gestione della tua pratica. Nella sezione “Le tue operazioni” trovi l’elenco dei contratti che hai stipulato con Enel Energia: riportano la data di stipula, il tipo di contratto (se elettrico o gas), il numero del contratto e, anche qui, lo stato di avanzamento della pratica.

I tuoi contratti sono disponibili in pdf. 
 

Termini e condizioni

Per poter concludere un contratto di fornitura dovrai compilare correttamente la modulistica allegata al contratto che ti abbiamo inviato e poi inviarla tramite i canali dedicati indicati nel modulo. Ti ricordiamo di allegare sempre anche una copia del documento d’identità valido.
Qualora vi fossero morosità pregresse sul punto di fornitura (POD/PDR), Enel Energia, a tutela del proprio credito, potrà effettuare ulteriori verifiche, anche consultando database propri o pubblici, al fine di rilevare eventuali relazioni tra cliente richiedente e precedenti intestatari e per approfondire gli avvicendamenti sul punto di fornitura; a seguito di queste verifiche, Enel Energia potrà anche decidere di non accogliere la richiesta di fornitura, dandotene apposita comunicazione.
Non ti sarà in alcun caso richiesto il pagamento della morosità pregressa riferita a precedenti intestatari se diversi dal richiedente.
Ti comunicheremo inoltre eventuali ritardi nell'attivazione della tua fornitura.